Tu sei qui

Successo per il Corso di formazione "Ambienti e stili di apprendimento"

StampaStampaSalva .pdfSalva .pdf

“AMBIENTI E STILI DI APPRENDIMENTO”,  questo il tema del corso di formazione organizzato dall’ ISSE SE,  riconosciuto dall’ Ufficio Scolastico Regionale della Regione Lombardia, che si è tenuto presso l’Istituto Comprensivo G. Galilei di Corsico nei mesi di marzo aprile e che ha visto la partecipazione di  22 insegnanti di scuola secondaria di primo grado.

Il clima che si riesce a creare in un gruppo classe è oggi considerato uno dei costrutti decisivi nell’efficacia dell’intervento educativo. La creazione di un adeguato “ambiente” fisico, affettivo e relazionale sembra essere un presupposto fondamentale  per facilitare apprendimenti sempre più complessi ed articolati.

La costruzione del carattere, fine ultimo della educazione, è un processo che necessita di una profonda analisi di quali siano gli obiettivi più importanti da  porsi nella relazione con gli studenti oltre che degli strumenti, processi e presupposti per raggiungerli.

Il percorso di quattro incontri ha permesso di approfondire diversi temi di forte attualità circa il ruolo dell’insegnante, degli strumenti e buone prassi da utilizzare in classe per contribuire efficacemente alla costruzione di personalità integrate e soddisfatte.

Nel primo incontro il dott. Roberto Sartori, psicologo e formatore dello Studio Metafora di Parma, ha analizzato come le convinzioni e gli stereotopi possano influenzare la scelta degli obiettivi, delle strategie di raggiungimento, i risultati ottenibili e più in generale i processi di apprendimento.

Sono sempre più numerose le ricerche che evidenziano la  stretta correlazione esistente fra l’immagine che il soggetto ha di sé e i risultati che questi riesce a conseguire in campo formativo, relazionale e affettivo. I risultati raggiungibili sono maggiormente riconducibili a ciò che “pensiamo di essere in grado di fare” rispetto  a “ciò che potremmo fare” veramente. Per tale ragione, soprattutto in ambito scolastico, la promozione di una immagine di sé funzionale è essenziale e assume grandissima rilevanza per la realizzazione di strategie di apprendimento efficaci.

Nel secondo incontro il prof. Tognetti si è soffermato in particolare sulla importanza, ai fini dell’apprendimento, di riuscire a creare un ambiente e un clima nella classe improntato all’ottimismo, dove gli studenti si sentano accolti.

L’insegnante gioca un ruolo fondamentale nel determinare il “clima” nella classe e come afferma Sathya Sai Baba gli insegnanti sono gli scultori che rimodellano le cose comuni in oggetti di bellezza e significato, di utilità ed ispirazione.

Ha raccontato a tal proposito un episodio accaduto in una cittadina degli Stati Uniti dove un gruppo di ricercatori stava conducendo una indagine su un campione di abitanti nei diversi quartieri della città per verificarne la posizione sociale ed economica .

I dati raccolti confermavano una sostanziale omogeneità nei diversi quartieri circa i livelli occupazionali, i ruoli ricoperti in ambito lavorativo, la qualità dello status sociale, le difficoltà di inserimento per un certo numero di cittadini, i casi di persone dedite ad alcol o uso di sostanze ed episodi di emarginazione e delinquenza.

Vi era però un quartiere dove i dati raccolti si discostavano significativamente dai campioni raccolti altrove: pochi cittadini avevano avuto problemi con la giustizia, quasi tutti erano occupati e spesso ricoprivano ruoli importanti in ambito lavorativo, molti avevano creato nuclei familiari stabili e ben affiatati.

Approfondendo l’indagine i ricercatori scoprirono che quasi tutti provenivano da una medesima scuola e in particolare molti avevano avuto una stessa maestra nel primo ciclo scolastico. A questo punto contattarono l’insegnante, ormai in pensione, per scoprire cosa avesse di particolare il suo metodo di insegnamento; quali strategie avesse messo in atto per incidere in modo così significativo sul futuro dei suoi ex alunni. La vecchia maestra con umiltà rispose: “li ho semplicemente amati”.    

Pestalozzi affermava che per cambiare gli uomini bisogna amarli. La nostra influenza arriva solo fin dove arriva il nostro amore.                 

L’ambiente di apprendimento non coincide con lo spazio fisico dell’aula in cui c’è un soggetto che trasmette conoscenze ed altri che le immagazzinano ma viene determinato da diversi fattori:uno spazio accogliente; gli insegnanti, i compagni gli strumenti didattici; le relazioni interpersonali; le relazioni affettive; uno stile educativo improntato all’ascolto, alla cooperazione e alla fiducia.

Il prof. Samuel Contarini  nel terzo incontro ha sollecitato gli insegnanti a riflettere in particolare sui contenuti dell’insegnamento esortandoli a chiedersi: “quali valori trasmettiamo con il nostro lavoro, in che modo possiamo fare affinchè quello che insegno sia educativo e non solo istruttivo”

L’insegnante deve dunque riflettere sul proprio modo di essere, sapendo che non possiamo trasmettere ciò che non siamo. Interessante in proposito l’invito a costruire quello che ha chiamato il libro amico, una sorta di diario progettuale dove l’insegnante costruisce il proprio percorso didattico.

Nell’incontro conclusivo, a cura del dott. Enrico Gamba, psicoterapeuta, fornmatore e referente del corso, vi è stato un momento di confronto  e condivisione  in cui si sono potuti approfondire gli argomenti ritenuti più interessanti del percorso e dove sono emerse indicazioni su futuri sviluppi e progetti.

E’ stato distribuito al fine un questionario anonimo per una valutazione globale del corso.

Dalla raccolta dei dati emerge un forte interesse da parte degli insegnanti per gli argomenti affrontati, per la chiarezza e puntualità delle presentazioni.Tutti i partecipanti hanno dichiarato di ritenere i contenuti trattati molto importanti per la loro attività di insegnanti e più in generale per la loro vita.

Molti docenti dichiarano di voler  sperimentare nelle classi gli insegnamenti appresi e alcune indicazioni concrete di attività e progetti. Tutti sono rimasti favorevolmente sorpresi per il clima accogliente che si è creato durante l’intero percorso.

di
Carlo Tognetti

 

MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca USR - Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia NoiPA

Questo sito è realizzato con la distribuzione di Drupal Porte Aperte sul Web (PASW), realizzata dalla comunità nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.