Tu sei qui

Leonardo Da Vinci e la Musica: “la figurazione delle cose invisibili”

StampaStampaSalva .pdfSalva .pdf

Nel paragonare le arti Leonardo ci ha donato una delle più efficaci definizioni della musica: “se la pittura è la definizione delle cose corporee, la musica è la figurazione delle cose invisibili”. Eccoci arrivati al  2 maggio: il 500° anno della morte di questo grande genio e il suo legame con la musica fu molto importante, pare che Leonardo fosse un musicista di “rara” abilità, nonché valido poeta e cantante. I biografi ci dicono che suonava (e insegnava) la lira da braccio ed era un abile cantore.

Da buon inventore e artista, non si limitava soltanto alle performance musicali, bensì si adoperava nella creazione di nuovi strumenti. Lo storico cinquecentesco Giorgio Vasari, nel suo Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori, scrive che Leonardo aveva costruito una lira d’argento a forma di teschio di cavallo, grazie alla quale superò tutti i concorrenti di una gara per “musici” organizzata alla corte di Ludovico il Moro, presso il Castello Sforzesco di Milano.

Fra gli appunti e i disegni del Codice Atlantico ci sono anche progetti di vari strumenti musicali fra cui la celebre viola organista, il primo e unico strumento ad “arco-tastiera”.

Sparse nei suoi manoscritti si trovano numerose annotazioni corredate da schizzi  riguardanti esperimenti di fisica acustica, la progettazione di nuovi strumenti e il miglioramento di quelli già esistenti.

Purtroppo Leonardo, seguendo la consuetudine degli strumentisti  del ‘400, non trascrisse le sue improvvisazioni, ma sarebbe certamente stato  in grado di farlo, come dimostrano alcuni rebus conservati nei fogli della  Collezione Windsor.

In almeno 18 rebus Leonardo utilizzò la notazione musicale combinandola con sillabe, parole o frammenti di parole in modo da formare, sfruttando i nomi delle note, motti o piccole frasi.

Tre di questi giochi musicali: Amore la sol mi fa remirare sol la mi fa sollicita / Sol la fè mi fa sperare / L’amore mi fa sollazzare.

Abbiamo fatto una ricerca ed un lavoro con i ragazzi dell’Indirizzo musicale e sono rimasti affascinati dalle scoperte fatte: la musica non ha confini nel sorprendere le persone

 

di Valentina Morini

MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca USR - Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia NoiPA

Questo sito è realizzato con la distribuzione di Drupal Porte Aperte sul Web (PASW), realizzata dalla comunità nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.